Albinismo   English

«Entra»  «Home»  «Blog»  «Forum»  «Guestbook» 

Menù
Home
» Chi siamo
» Iscriviti al sito
» Contatti
» Informazioni divulgative
   » Cos'è l'Albinismo?
   » Manifestazioni cliniche
   » Segni clinici
   » Classificazione
      » Albinismo oculo-cutaneo
      » Albinismo oculare
   » Sindromi associate
      » Hermanski-Pudlak
      » Chediak-Higashi
      » Griscelli-Prunieras
   » Terapia
   » Chiedi un consulto
» Approfondimenti
» Attività e progetti
» I nostri incontri
   » 2009 - Villanovaforru
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
» Convegni nazionali ed eventi
   » 2009 - Chiari per natura
   » 2011 - L'Albinismo: una diversità vivibile
   » 2012 - L'Albinismo ieri e oggi
   » 2013 - Albinismo: una diversità che si racconta
» Altri eventi
» Aspetti sociali e psicologici
» Esperienze di vita
» Centri di rilevanza nazionale
» Centri di diagnosi e cura
» Centri di ipovisione
» Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
» Risorse utili
   » Associazioni
   » Link utili
   » Altre risorse web
   » Video
   » Convenzioni
» Ringraziamenti

Cerca con Google

Google


Social network
Contattaci su Facebook

443 visitatori

Albinismo

L’'’albinismo si presenta con ipopigmentazione congenita che può interessare cute, capelli e occhi (albinismo oculocutaneo o OCA) oppure limitarsi principalmente agli occhi (albinismo oculare o OA).
L’incidenza è di 1/20000 nati ma raggiunge 1/12000 fra gli afro-americani negli USA e in certe regioni come il Niger si aggira su 1/1000.
È caratterizzato da un difetto nella biosintesi e nella distribuzione della melanina che normalmente determina la pigmentazione visibile di cute, capelli e occhi.
La normale pigmentazione richiede, durante lo sviluppo, molti passaggi critici e si è visto che un gran numero di geni è coinvolto in questo processo, sia direttamente che indirettamente.
La melanina è prodotta dai melanociti che rappresentano una sottopopolazione relativamente piccola di cellule e tale sintesi avviene all’interno di un organello intracellulare legato alla membrana e denominato melanosoma.
I melanociti sono presenti:
 » nella pelle
 » nelle membrane mucose
 » nel sistema nervoso (pia-aracnoide)
 » nell'’occhio (uvea ed epitelio pigmentato retinico)
 » nell’'orecchio interno
Due sono i diversi tipi di melanina prodotti dai melanociti: una è chiamata eumelanina, ed è nera e/o bruna, e una feomelanina, ed è gialla e/o rossa.
La differente colorazione cutanea nelle diverse razze è dovuta non tanto ad un diverso numero di melanociti bensì ad una diversa capacità di produrre i due tipi di melanina.
La melanina viene sintetizzata dai melanociti a partire dalla tirosina per mezzo di un unico enzima, la tirosinasi. La famiglia genica delle tirosinasi al momento attuale conta tre membri: la tirosinasi (TYR) nel cromosoma 11q14-21, la proteina 1 legata alla tirosinasi (TYRP1, nota anche come TRP1 e gp75) nel cromosoma 9p23 e la proteina 2 legata alla tirosinasi (DCT, nota anche come TRP2, TYRP2 e Tyrp2) nel cromosoma 13q31-32.



Inizio pagina

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@albinismo.eu.