Albinismo   English

«Entra»  «Home»  «Blog»  «Forum»  «Guestbook» 

Menù
Home
» Chi siamo
» Iscriviti al sito
» Contatti
» Informazioni divulgative
   » Cos'è l'Albinismo?
   » Manifestazioni cliniche
   » Segni clinici
   » Classificazione
      » Albinismo oculo-cutaneo
      » Albinismo oculare
   » Sindromi associate
      » Hermanski-Pudlak
      » Chediak-Higashi
      » Griscelli-Prunieras
   » Terapia
   » Chiedi un consulto
» Approfondimenti
» Attività e progetti
» I nostri incontri
   » 2009 - Villanovaforru
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
» Convegni nazionali ed eventi
   » 2009 - Villanovafranca
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
   » 2018 - Milano
» Altri eventi
» Aspetti sociali e psicologici
» Esperienze di vita
» Centri di rilevanza nazionale
» Centri di diagnosi e cura
» Centri di ipovisione
» Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
» Risorse utili
   » Associazioni
   » Link utili
   » Altre risorse web
   » Video
   » Convenzioni
» Ringraziamenti

Cerca con Google

Google


Social network
Contattaci su Facebook

256 visitatori

Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
 
Gene alterato, la comunità sul web di A. Bz.
Pubblicato sul Corriere della Sera il 08 aprile 2009
 

COLPITO UN NEONATO SU 20 MILA - Sono in tutto e per tutto uguali agli altri, tranne che per il colore della pelle e dei capelli, che varia dal bianco fino a quasi una colorazione naturale. E degli occhi che possono essere bluastri oppure rossi. La spiegazione di queste caratteristiche sta in un gruppo di geni che servono per produrre melanina, il pigmento che colora la pelle e l’iride e che protegge dai raggi del sole: ecco perché gli albini sono più a rischio di tumori cutanei e presentano spesso problemi agli occhi. L’albinismo si eredita da entrambi i genitori e, a seconda del gene alterato, può comparire in forme diverse: da quelle che colpiscono soltanto gli occhi (uno dei geni è stato scoperto dall’équipe di Maria Vittoria Schiaffino al San Raffaele di Milano) a quelle totali che interessano anche la pelle, a quelle parziali (soltanto alcune zone). Questo disturbo, considerato raro, colpisce mediamente un neonato su 20 mila, ma può arrivare addirittura a 1 su 10 mila in certe regioni africane come il Niger (come conseguenza di matrimoni in uno stesso gruppo etnico). In Italia (dove si stimano 2500-5000 individui albini) è nata una comunità virtuale, con un sito internet (www.albinismo.eu). E il 9 maggio prossimo si terrà in Sardegna il primo convegno nazionale che parlerà di ricerca, ma anche dei problemi quotidiani che queste persone devono affrontare. Anche da noi..



Inizio pagina

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@albinismo.eu.