Albinismo   English

«Entra»  «Home»  «Blog»  «Forum»  «Guestbook» 

Menù
Home
» Chi siamo
» Iscriviti al sito
» Contatti
» Informazioni divulgative
   » Cos'è l'Albinismo?
   » Manifestazioni cliniche
   » Segni clinici
   » Classificazione
      » Albinismo oculo-cutaneo
      » Albinismo oculare
   » Sindromi associate
      » Hermanski-Pudlak
      » Chediak-Higashi
      » Griscelli-Prunieras
   » Terapia
   » Chiedi un consulto
» Approfondimenti
» Attività e progetti
» I nostri incontri
   » 2009 - Villanovaforru
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
» Convegni nazionali ed eventi
   » 2009 - Villanovafranca
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
   » 2018 - Milano
» Altri eventi
» Aspetti sociali e psicologici
» Esperienze di vita
» Centri di rilevanza nazionale
» Centri di diagnosi e cura
» Centri di ipovisione
» Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
» Risorse utili
   » Associazioni
   » Link utili
   » Altre risorse web
   » Video
   » Convenzioni
» Ringraziamenti

Cerca con Google

Google


Social network
Contattaci su Facebook

385 visitatori

2009 - Chiari per natura - 1░ Convegno Nazionale

Implicazioni oculari nell'albinismo
Dott.ssa Manuela Gherardini - Dott. Ignazio Zucca

L'albinismo rappresenta un gruppo di alterazioni legate alla mutazione di uno o più geni implicati nella sintesi della melanina, che dà luogo ad una riduzione o assenza di pigmentazione nella cute, nei capelli e negli occhi (albinismo oculocutaneo) o solo a livello oculare (albinismo oculare).
L'ipopigmentazione è accompagnata da specifiche alterazioni dell'apparato visivo che si traducono in riduzione dell'acuità visiva, fotofobia, strabismo e nistagmo.
Una tipica alterazione interessa la disposizione delle fibre nervose che costituiscono il chiasma ottico. Parte delle fibre provenienti dal nervo ottico che si dovrebbero continuare nel tratto ottico omolaterale, si incrociano, portando ad un aumento della componente crociata. Ciò comporta una diversa rappresentazione della mappa binoculare, in aree come il corpo genicolato laterale, importante stazione della via ottica, che si traduce in alterazione della stereopsi e della motilità oculare.
La causa di questo anormale comportamento riflette un'alterazione dello sviluppo della retina controllato dalla melanina. La crescita degli assoni delle cellule gangliari, che andranno a costituire il nervo ottico, è rallentata, per cui, queste strutture nervose arrivano in ritardo alla formazione del chiasma e vengono dirottate verso il lato opposto.
Non esiste ancora un trattamento per l'ipopigmentazione oculare. Le sperimentazioni sulla terapia genica trovano, comunque, nell'occhio una sede particolarmente adatta perché isolata, facilmente raggiungibile e valutabile con tecniche non invasive quali l'ERG e l'OCT. Una parte delle alterazioni strutturali provocate dall'albinismo potrebbe essere, pertanto, riparata con la terapia genica, che rappresenta la nuova opzione terapeutica già sperimentata con successo in altre patologie oculari.

Implicazioni oculari nell'albinismo (Dott.ssa Manuela Gherardini)
Scarica le diapositive in PDF

Implicazioni oculari nell'Albinismo eu - Prima Parte
Implicazioni oculari nell'Albinismo eu - Seconda Parte
Implicazioni oculari nell'Albinismo eu - Terza Parte
Implicazioni oculari nell'Albinismo eu - Quarta Parte

Dal chiasma ai segni clinici (Dott. Ignazio Zucca)
Scarica le diapositive in PDF

Dal chiasma ai segni clinici - Prima Parte
Dal chiasma ai segni clinici - Seconda Parte
Dal chiasma ai segni clinici - Terza Parte

Indietro



Inizio pagina

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!

Licenza Creative Commons
Quest'opera Ŕ distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Permessi ulteriori rispetto alle finalitÓ della presente licenza possono essere disponibili presso info@albinismo.eu.