Albinismo   English

«Entra»  «Home»  «Blog»  «Forum»  «Guestbook» 

Menù
Home
» Chi siamo
» Iscriviti al sito
» Contatti
» Informazioni divulgative
   » Cos'è l'Albinismo?
   » Manifestazioni cliniche
   » Segni clinici
   » Classificazione
      » Albinismo oculo-cutaneo
      » Albinismo oculare
   » Sindromi associate
      » Hermanski-Pudlak
      » Chediak-Higashi
      » Griscelli-Prunieras
   » Terapia
   » Chiedi un consulto
» Approfondimenti
» Attività e progetti
» I nostri incontri
   » 2009 - Villanovaforru
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
» Convegni nazionali ed eventi
   » 2009 - Villanovafranca
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
   » 2018 - Milano
» Altri eventi
» Aspetti sociali e psicologici
» Esperienze di vita
» Centri di rilevanza nazionale
» Centri di diagnosi e cura
» Centri di ipovisione
» Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
» Risorse utili
   » Associazioni
   » Link utili
   » Altre risorse web
   » Video
   » Convenzioni
» Ringraziamenti

Cerca con Google

Google


Social network
Contattaci su Facebook

795 visitatori

2011 - L’Albinismo: una diversità vivibile - 2° Convegno Nazionale

Valorizzazione delle potenzialità delle persone minorate della vista: la nostra esperienza
Aspetto Psicologico

Dott.ssa Stefania Fortini

Il Polo Nazionale di servizi e ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva degli ipovedenti (Polo Nazionale ipovisione) è un centro di riabilitazione visiva per ipovedenti nel quale prestano la loro opera più figure professionali con elevate competenze specialistiche: oculisti, ortottisti, uno psicologo/psicoterapeuta, un esperto tiflologo e due istruttori di Orientamento e Mobilità e Autonomia Personale.
L'approccio dell'équipe multidisciplinare è di tipo olistico e considera l'uomo nella sua globalità in quanto essere costituito da mente e corpo.
L'obiettivo dell'attività assistenziale del Polo Nazionale Ipovisione è la presa in carico della persona a 360 gradi, ponendo particolare attenzione al problema esistenziale, ai disagi psicologici legati allo stato visivo che influenza e influenzerà il futuro dell'individuo come essere umano, sia dal punto di visto clinico (patologie tipo diabete, ipertensione, cardiopatie, ecc.) che dal punto di vista della qualità della vita.
La persona che accede al Centro viene accolta dallo psicologo che ne esplora lo stato emotivo, le difficoltà del quotidiano, i disagi psicologici vissuti in riferimento alla malattia, i bisogni, le aspettative e la motivazione in riferimento all'eventuale percorso riabilitativo. Segue la valutazione oculistica completa con l'esecuzione degli esami strumentali necessari ad ottenere un corretto inquadramento funzionale.
Il percorso riabilitativo personalizzato viene discusso in equipe e costruito sulla base delle esigenze della persona. Si programma quindi un ciclo di incontri presso il centro con l'ortottista riabilitatore. Tali incontri hanno lo scopo di aiutare la persona a sfruttare al meglio il proprio residuo visivo funzionale ed individuare gli ausili ottici e/o elettronici più adeguati alle esigenze espresse dal soggetto. Inoltre, è compito dell'ortottista assegnare esercizi "domiciliari" per potenziare e rinforzare i risultati ottenuti durante il training ambulatoriale.

Il video e il materiale relativo all'intervento non sono disponibili in quanto il relatore non ha fornito la necessaria autorizzazione.

Indietro



Inizio pagina

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@albinismo.eu.