Albinismo   English

«Entra»  «Home»  «Blog»  «Forum»  «Guestbook» 

Menù
Home
» Chi siamo
» Iscriviti al sito
» Contatti
» Informazioni divulgative
   » Cos'è l'Albinismo?
   » Manifestazioni cliniche
   » Segni clinici
   » Classificazione
      » Albinismo oculo-cutaneo
      » Albinismo oculare
   » Sindromi associate
      » Hermanski-Pudlak
      » Chediak-Higashi
      » Griscelli-Prunieras
   » Terapia
   » Chiedi un consulto
» Approfondimenti
» Attività e progetti
» I nostri incontri
   » 2009 - Villanovaforru
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
» Convegni nazionali ed eventi
   » 2009 - Villanovafranca
   » 2011 - Roma
   » 2012 - Roma
   » 2013 - Caltanissetta
   » 2018 - Milano
» Altri eventi
» Aspetti sociali e psicologici
» Esperienze di vita
» Centri di rilevanza nazionale
» Centri di diagnosi e cura
» Centri di ipovisione
» Rassegna stampa, radiotelevisiva e web
» Risorse utili
   » Associazioni
   » Link utili
   » Altre risorse web
   » Video
   » Convenzioni
» Ringraziamenti

Cerca con Google

Google


Social network
Contattaci su Facebook

722 visitatori

2011 - L’Albinismo: una diversità vivibile - 2° Convegno Nazionale

I geni coinvolti nell'albinismo oculo-cutaneo e oculare: loro ruolo, analisi molecolare e ricadute diagnostiche
Dott.ssa Lucia Mauri

L'Albinismo è una patologia rara caratterizzata da un'assenza o da una riduzione della biosintesi della melanina, associata a ipopigmentazione generale ed a specifiche alterazioni oculari, quali ridotta acuità visiva, nistagmo, traslucenza iridea, fondo ipopigmentato e ipoplasia della fovea, derivanti da riduzione di pigmento durante lo sviluppo dell'occhio. L'incidenza media mondiale è di 1/20.000.
Questa patologia comprende differenti forme patologiche dovute a difetti distinti del "pathway" di biosintesi della melanina. Il fenotipo albino è anche presente in alcune sindromi tra cui la sindrome di Hermansky-Pudlak, la cui manifestazione clinica nei primi anni di vita è sovrapponibile a quella della patologia oculocutanea.
L'Albinismo Oculocutaneo (OCA) è una patologia ereditaria a carattere autosomico recessivo. Ad oggi sono stati identificati quattro geni principali responsabili dei differenti tipi di OCA (OCA1-4).
OCA di tipo 1 (OCA1) è la forma di Albinismo prevalente nel mondo. E' causato da alterazioni nel gene TYR (enzima tirosinasi), localizzato sul cromosoma 11q14.2.
La forma OCA2 è stata studiata ampiamente negli USA e tra gli Afro-Americani. In alcune parti del Sud dell'Africa gli affetti sono 1:3.900. Questa forma di Albinismo è associata a difetti del gene P, localizzato nella regione cromosomica 15q11.2-q12.
OCA3, a volte indicata come tipo Rufous (ROCA), mostra una prevalenza maggiore nella popolazione Africana, mentre è rara e/o poco studiata tra la popolazione Caucasica e tra quella Asiatica. Questa forma è causata da mutazioni nel gene TYRP1 (Tyrosine - related protein 1), localizzato sul cromosoma 9p23.
Mutazioni nel gene SLC45A2 (o gene MATP), mappato sul cromosoma 5p13.3, causano la forma OCA4. Il suo prodotto è una proteina associata ad un trasportatore di membrana ed è stato maggiormente studiato nei pazienti giapponesi.
L'Albinismo Oculare di tipo 1 (OA1 o Albinismo Oculare di Nettleship-Falls) è la forma più comune di Albinismo solo Oculare con una prevalenza di circa 1:60.000. Questo tipo di Albinismo è caratterizzato da una segregazione X-linked e quindi la manifestazione è solo nei maschi. L'OA1 è causato da mutazioni nel gene GPR143, localizzato sul cromosoma Xp22.3. Difetti in questo gene causano la formazione di melanosomi giganti (macromelanosomi) nelle cellule dell'epitelio pigmentato della retina.

Scarica le diapositive in PDF

Video

Indietro



Inizio pagina

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@albinismo.eu.